Piante non di marijuana che contengono cannabinoidi

Piante diverse dalla marijuana che contengono cannabinoidi

Quali altre piante producono cannabinoidi paragonabili a quelli delle piante di cannabis?

Oltre agli endocannabinoidi che i nostri corpi producono naturalmente per controllare e mantenere una varietà di funzioni corporee, tra cui appetito, metabolismo, comunicazione cellulare e risposta immunitaria, esiste un'altra classe di cannabinoidi noti come fitocannabinoidi, che sono cannabinoidi prodotti dalle piante. Leggerai della flora naturale che crea questi fitocannabinoidi in questa pagina. In precedenza, si pensava che solo le piante di cannabis generassero questi cannabinoidi. Tuttavia, una nuova ricerca ha dimostrato che anche altre piante possono produrre cannabinoidi.

I cannabinoidi e il sistema endocannabinoide

A seconda del recettore a cui si lega un determinato cannabinoide, il sistema endocannabinoide regola le funzioni fisiologiche come l'appetito, la percezione del dolore, l'umore e la memoria.

I cannabinoidi e il sistema endocannabinoide
I recettori dei cannabinoidi che legano i cannabinoidi.

Esistono altri tipi di cannabinoidi che hanno effetti sul tuo corpo paragonabili ai cannabinoidi presenti in natura che si attaccano ai recettori dei cannabinoidi e sono creati internamente da esseri umani e animali.

Nonostante siano tutte sostanze chimiche con vari effetti sul nostro corpo e sulla nostra mente, sono classificate in base al loro luogo di origine.

Endocannabinoidi

Fitocannabinoidi

Cannabinoidi sintetici

Endo = dentro

Fito = piante

Sintetico = artificiale

Prodotto internamente nel nostro corpo

Prodotto dalle piante

Prodotto in laboratori

Recettori dei cannabinoidi

I recettori endocannabinoidi, di cui esistono due varietà principali (CB1 e CB2), si trovano nel sistema endocannabinoide e hanno il compito di legarli affinché agiscano. Mentre i recettori CB2 si trovano principalmente nella parte inferiore del tuo corpo e si presume siano i recettori a cui si lega il CBD, i recettori CB1 si trovano principalmente nel tuo cervello e si pensa che siano i recettori a cui si lega il THC.

Recettori cannabinoidi
I corrispondenti recettori dei cannabinoidi per i cannabinoidi.
Poiché gli effetti di un particolare cannabinoide dipendono dalla posizione del recettore, il THC potrebbe esaltare sapori, colori o profumi mentre il CBD rilassa i muscoli e può aumentare la fame. I fitocannabinoidi, tuttavia, che vengono creati in vari modi e sono presenti in un'ampia gamma di piante domestiche oltre alle piante di cannabis, sono i cannabinoidi a cui i coltivatori sono più interessati.

Il tuo corpo produce cannabinoidi?

Il sistema endocannabinoide è una complessa rete di recettori cannabinoidi che si è scoperto essere dispersi in ogni cellula del nostro corpo, comprese le cellule immunitarie, i tessuti connettivi, il cervello e molti organi. Il sistema endocannabinoide del nostro corpo è composto da molti sistemi in cui gli enzimi producono e distruggono cannabinoidi, recettori dei cannabinoidi ed endocannabinoidi, che sono essenzialmente sostanze chimiche come il THC o il CBD. Tuttavia, non solo gli esseri umani, ma anche altri animali hanno questi endocannabinoidi.

Con l'aiuto dei nostri recettori dei cannabinoidi, come i recettori dei cannabinoidi 1 e 2 (noti anche come CB1 e CB2), entrambi gli endocannabinoidi prodotti dagli animali e dall'uomo hanno lo scopo di stimolare una varietà di risposte cellulari necessarie per il normale funzionamento. Cosa significa questo, però? Ebbene, questi endocannabinoidi regolano e hanno il potere di influenzare un'ampia gamma di processi fisiologici, tra cui fame, dolore, piacere, memoria, infiammazione, sonno, umore e innumerevoli altri. Questo è essenzialmente il modo in cui i cannabinoidi prodotti dalle piante di cannabis, inclusi THC e CBD, agiscono per farci sentire assonnati, farci venire la fame chimica o ridurre il disagio.

Il nostro sistema endocannabinoide svolge compiti fondamentali oltre a rispondere alle malattie. I ricercatori hanno scoperto che rispetto alle cellule sane, le cellule tumorali hanno più recettori dei cannabinoidi. Nei pazienti con malattie tra cui ansia, dolore cronico, Parkinson e artrite, tra le altre, la ricerca ha rivelato un aumento della produzione di endocannabinoidi. In sostanza, il sistema endocannabinoide (ECS) è un sistema di comunicazione tra il cervello e il corpo che assicura il corretto funzionamento di una varietà di funzioni corporee, inclusa la regolazione del nostro ciclo del sonno, l'avviso di fame e altre funzioni di base.

Gli scienziati hanno anche osservato che i recettori dei cannabinoidi si trovano principalmente nel cervello, nel sistema neurologico e negli organi riproduttivi, dove non è stato riscontrato che compromettano la funzione cardiaca e polmonare, portandoli a concludere che è impossibile morire per overdose di cannabis.

Secondo gli esperti, il sistema endocannabinoide funge da sorta di collegamento tra il corpo e la mente. Di conseguenza, comprendendo come funziona l'ECS, possiamo comprendere meglio i vantaggi e gli svantaggi dei cannabinoidi e degli endocannabinoidi, che ci aiuteranno nella nostra comprensione del sistema endocannabinoide.

Piante non di cannabis che producono cannabinoidi

Discutiamo dei cannabimimetici ora che hai familiarità con i cannabinoidi sintetici, gli endocannabinoidi e i fitocannabinoidi. Il sistema endocannabinoide può essere influenzato dai cannabimimetici, che imitano i cannabinoidi e hanno effetti identici o paragonabili a quelli di altri cannabinoidi. Senza menzionare la cannabis (ovviamente), in questo post parleremo di piante che creano fitocannabinoidi o cannabimimetici. Queste piante sono anche abbastanza accessibili e, soprattutto, sono legali.

Cacao

Teobromina, feniletilamina, triptofano e anandamide sono alcune delle sostanze benefiche presenti nel cacao, un superfood che contribuisce anche alla produzione di serotonina e melatonina. Mentre la melatonina è un ormone legato al nostro ciclo sonno-veglia e può essere utilizzata per trattare condizioni come l'insonnia, la serotonina è l'ormone principale che stabilizza l'umore e la sensazione di benessere o felicità e aiuta a mangiare e digerire.

Superfood al cacao
La forma naturale di THC del corpo, l'anandamide, si trova nel cacao biologico crudo.

Sebbene questo superfood contenga tutte le sostanze sopra elencate, l'anandamide, un endocannabinoide creato naturalmente dal cervello umano, è presente in quantità maggiori rispetto alle altre sostanze chimiche. La sensazione di felicità che proviamo quando questa sostanza viene rilasciata è simile alla soddisfazione che proveresti dopo l'esercizio (noto anche come sballo del corridore), ed è spesso indicato come la versione naturale del THC del corpo a causa della sua regolazione dell'umore, memoria, appetito e percezione del dolore. Tieni solo a mente che devi consumare cacao crudo e biologico per raccogliere i benefici del cacao; non è possibile ottenere questi benefici da alimenti trasformati come il cioccolato al latte poiché il latte impedisce l'assorbimento dei composti in quegli alimenti.

Pepe nero

La maggior parte delle persone non sa che il pepe nero contiene una quantità significativa di beta-cariofillene, una sostanza utilizzata in cucina e che può essere presente in ogni casa del mondo.

Erbe Al Pepe Nero
Il beta-cariofillene è presente in grandi concentrazioni nel pepe nero.
Il terpene responsabile dell'aroma pepato/speziato di alcune varietà di cannabis, il beta-cariofillene, agisce anche sui recettori CB2, proprio come il CBD, e ha notevoli proprietà antinfiammatorie che facilitano il trattamento del dolore articolare.

Echinacea

L'echinacea, uno splendido fiore rosa brillante che a volte viene usato come trattamento per il raffreddore, condivide molte somiglianze con la cannabis in termini di sistema dei cannabinoidi.

Bella Echinacea
Questo bellissimo fiore può alleviare emicrania, ansia e stanchezza!

Questa pianta interagisce con il recettore CB1. Tuttavia, nonostante sia un cannabimimetico, al contrario di un cannabinoide, questa pianta può trattare una varietà di condizioni, tra cui ansia, emicrania, stanchezza e artrite, grazie alle ammidi naturali che contiene, che hanno effetti molto simili a quelli di THC.

Elicriso

Il CBG , un fitocannabinoide presente anche nelle piante di cannabis e spesso usato come antidepressivo e stabilizzatore dell'umore, è abbondante nell'elicriso.

Elicriso CBG
Il CBG è presente in grandi concentrazioni nell'elicriso.

Sebbene sia vero che questa specie di fiore sia stata molto utilizzata nei riti religiosi per i suoi effetti psichedelici, che sono abbastanza simili a quelli della cannabis, gli attuali divieti rendono difficile la ricerca del CBG in esso.

Tartufi Neri

Simile a come la cannabis e il cioccolato creano l'anandamide, anche i tartufi neri la producono, emanando l'effetto sballato di un corridore. Questa sostanza interagisce con il recettore CB1 per aiutare a controllare l'umore e la percezione del dolore.

Sostanza chimica del tartufo nero simile al THC
Un ingrediente che si trova nel tartufo nero è legato al THC.

Tieni solo a mente che dovresti fare i compiti e sapere cosa stai facendo prima di prendere grandi quantità di tartufo nero o qualsiasi altra pianta o erba perché potresti essere allergico e passare un periodo infelice.

Epatica giapponese

Sebbene l'erba epatica giapponese abbia un'alta concentrazione di acido perrotentino, un cannabinoide correlato al THC, non ha effetti psicoattivi.

epatica giapponese
L'erba epatica giapponese contiene acido perrotentinenico, che si lega ai recettori CB1.

Questa pianta è paragonabile alla cannabis in quanto ha effetti anche sul fegato, sulla cistifellea, sulla vescica e sul sistema respiratorio. Può anche essere usato per trattare la bronchite e altre condizioni respiratorie croniche.

Kava

La pianta di kava è ricca di kavalactoni e viene utilizzata per preparare bevande medicinali per la sedazione, il sollievo dal dolore cronico e l'ansia.

Kava Kavalactones
Simile al THC, il kava contiene kavalactoni che si legano ai recettori CB1.

A causa della sua interazione simile al THC con i recettori CB1 nel sistema nervoso centrale, questa pianta è stata utilizzata per anni per curare la dipendenza.

Margherita elettrica

Grazie alla sua capacità di attenuare il dolore, Electric Daisy è stata a lungo impiegata nella regione amazzonica. Uno studio più recente ha rivelato che questa pianta blocca effettivamente i recettori del dolore alle estremità nervose.

Margherita elettrica
Electric Daisy può controllare il dolore e l'infiammazione interagendo con i recettori CB2.

Il cannabinoide di questa pianta, la N-isobutilammide, interagisce con i recettori CB2 per controllare il dolore e l'infiammazione in tutto il corpo. Di conseguenza, fornisce un mezzo efficace per alleviare il dolore. Ora, tieni presente che la maggior parte delle piante non ti farà sballare a meno che non ne consumi enormi quantità perché, nonostante contengano cannabinoidi, le loro concentrazioni sono inferiori a quelle della cannabis. Tuttavia, sono un'ottima alternativa per le persone che non vogliono sballarsi ma desiderano comunque i benefici terapeutici offerti da terpeni e cannabinoidi.

Pianta o erba

Consumo

Pianta o erba

Consumo

Cacao

Mangiato crudo

Tartufi neri

Mangiato crudo

Pepe nero

Mangiato crudo

Margherita elettrica

Olio

Echinacea

Epatica giapponese

Elicriso

Olio

Kava

Per aiutarti, abbiamo creato la tabella sopra. Tieni presente che se dovessi consumare una di queste piante, devi farlo in base al tipo di pianta per ottenere i migliori risultati.

Ricetta della miscela di erbe fai da te

Insieme alle suddette piante ed erbe, ce ne sono altre che sono vantaggiose per le persone anche se non contengono cannabinoidi, tra cui Verbasco, Scutellaria, Artemisia, Menta, Salvia e Uva-ursi.

Effetto

Pianta o erba

Antinfiammatorio

Verbasco e Scutellaria

Antibatterico

Salvia e Uva-ursi

Contro l'insonnia

Artemisia

Allevia il dolore

Menta

Ecco un metodo rapido per produrre la tua miscela da fumo a base di erbe se non vuoi occuparti della produzione di tè o oli; tieni solo a mente che avrai bisogno di erbe diverse a seconda delle tue preferenze e dell'impatto che vuoi ottenere.

Ricetta della miscela di erbe fai da te
Crea la tua miscela di erbe da fumare con piante ed erbe legali al 100%.

Prima di utilizzare le erbe, devi produrle da solo o acquistarle fresche. Dopo aver asciugato con cura le erbe aromatiche, devi schiacciarle in piccoli pezzi, proprio come faresti con i fiori di cannabis e preparare la tua miscela con quanto segue:

  • 50% verbasco;
  • 40% Artemisia e Scutellaria (o Uva-ursi per una qualità simile al tabacco);
  • 10% Menta o Salvia.

Ora non resta che arrotolarli e gustarli. Tieni presente che poiché questa è una ricetta ampia, puoi aggiungere qualsiasi altra erba che scegli al posto di una delle erbe se vuoi usarla per trattare una condizione particolare.

Avvolgendo

Tutte queste piante ed erbe, nonostante non abbiano la stessa potenza dei fiori di cannabis, saranno utili in qualche modo se usate in modo appropriato. Prima di assaggiarne uno, tieni presente che potresti essere allergico ad alcuni di essi. Di conseguenza, assicurati di sapere cosa puoi e cosa non puoi mangiare. Condividi le tue conoscenze con altri giardinieri lasciando un commento nel riquadro sottostante se hai la tua ricetta per la miscela di erbe o conosci un modo più efficace per utilizzare una di queste piante o erbe.

Riferimenti :

  1. Uno sguardo più da vicino a terpeni, polifenoli e flavonoidi cannabimimetici: una promettente strada da percorrere. Ricerca sulla rigenerazione neurale . - Cavalli, Juliana & Dutra, Rafael Cypriano (2021).
  2. Terpenoidi, Leganti Cannabimimetici, oltre la Pianta di Cannabis. Molecole . - Gonçalves, Elaine & Baldasso, Gabriela & Assunção Bicca, Maíra & Paes, Rodrigo & Capasso, Raffaele & Dutra, Rafael (2020).
  3. I terpeni della cannabis sativa sono cannabimimetici e forniscono supporto per l'ipotesi dell'effetto Entourage . - LaVigne, Justin e Hecksel, Ryan e Keresztes, Attila e Streicher, John (2020).
0 Condivisioni

Lascia un commento

Verifica dell'età

Cliccando invio, dichiaro di avere più di 18 anni.

O

Divertiti sempre responsabilmente.